Come fa Facebook a sapere che dentifricio usa tua madre?

Qualche tempo fa su queste stesso blog ho scritto un articolo su come i nostri smartphone ascoltino le nostre conversazioni per fornirci annunci sempre più mirati. Ieri mi sono imbattuto su un post virale che spiega altri aspetti della distribuzione pubblicitaria su internet, e le politiche di utilizzo dei dati degli utenti. Ho pensato di tradurlo, a vostro beneficio:

“Sto tornando a casa da una settimana passata a casa di mia madre, e mi stanno arrivando annunci della sua marca di dentifricio, quella con cui ho lavato i denti in questi giorni. Non abbiamo mai parlato di questa marca, né la ho cercata su Google o simili. In qualità di persona che lavora nel campo della privacy online, vi racconterò perché ciò accade.

Come prima cosa, le vostre app social non vi ascoltano [o almeno non direttamente]. Non ne hanno bisogno, perché la quantità di elementi su di voi che gli regale senza pensarci troppo è di gran lunga più economica e più potente.

Le vostre app raccolgono un’enorme quantità di dati dai vostri telefoni, come il codice identificativo del vostro dispositivo, la vostra posizione, i vostri dati demografici. E questo lo sappiamo.

Gli aggregatori di dati pagano per spremere dati da ogni possibile fonte. Quando uso la mia carta fedeltà al supermercato? Ogni mio acquisto? Quello è un set di dati da poter vendere agli inserzionisti pubblicitari.

Possono abbinare il mio acquisto al supermercato al mio account Facebook perché entrambe le compagnie hanno il mio stesso indirizzo email e numero di telefono sui loro database, e io ho acconsentito alla condivisione incrociata di questi dati quando ho accettato i termini e le condizioni di utilizzo.

E qui è dove la faccenda diventa davvero interessante. Se il mio telefono è per molto tempo nella stessa posizione di un altro telefono, questi aggregatori registrano l’informazione. Iniziano a costruire la rete delle persone con cui sono regolarmente in contatto.

I venditori di pubblicità possono incrociare i miei interessi e cercare nel mio storico degli acquisti e in quello delle persone vicino a me. Poi iniziano a mostrarmi varie pubblicità basate sulle persone vicine a me. Famiglia, amici, colleghi.

Mi presenteranno quindi annunci pubblicitari per cose che io non desidero, ma che sanno potrebbero interessare alle persone con cui sono regolarmente in contatto.

Penso che il fine sia far in modo che in modo subliminale sia io a iniziare a parlarne. Capito? Di un maledetto dentifricio.

Ragazza con spazzolino e dentifricio

Non hanno mai avuto bisogno di ascoltare ciò che dicevo, gli è bastato comparare dei dati in modo aggregato.

Quindi: conoscono il dentifricio di mia madre, sanno che io ero da lei, conoscono il mio account Facebook, ed ecco che io ricevo pubblicità su Twitter del dentifricio di mia madre.

I tuoi dati non riguardano necessariamente te. Riguardano come possono essere utilizzati a discapito di ogni persona che conosci o non conosci. Per modificare i comportamenti in modo inconscio.

L’ultimo aggiornamento di Apple blocca il tracciamento da parte delle App, e Facebook è molto arrabbiato a riguardo. La loro politica è implorarti di schiacciare “accetta” su ogni contratto che ti propinano, e poi tornare a fare ciò che stavi facendo.

Bloccate tutto ciò che è possibile nelle pubblicità di ogni applicazione. È un tema che non tocca solo voi, ma dà forma all’intera rete internet.”

Lascia un like su Facebook per articoli simili

Questo è il blog di Davide Battisti, narratore nella veste di giornalista e copywriter: in poche parole uno che scrive per lavoro. Anche se nella vita parlo sempre meno, mi occupo e appassiono di comunicazione.